Il Covid-19 non lo portano loro

Purtroppo, con la comparsa di questo Coronavirus, si sta assistendo all’abbandono di massa di centinaia di animali fra i quali cani e gatti, ma non si pensa che anche i nostri volatili possano condividere la stessa sorte.
Vi ricordate l’aviaria? Era una malattia trasmessa da specie esotiche all’uomo tramite ospiti intermedi? In quell’anno abbiamo assistito ad abbandoni e liberazioni di tante specie condannandoli a lunghe e sofferte morti; i più fortunati hanno trovato una casa che gli accogliesse per una nuova vita.
La nostra presenza nel mondo è data dalla nostra evoluzione e dalla nostra intelligenza, intelligenza che in questi casi viene a mancare credendo che così facendo si possano aumentare le probabilità di sopravvivenza, ma anzi, contribuiamo alla nostra distruzione.
Il Coronavirus tanto temuto questo anno, si è trasmesso all’uomo tramite un animale che ha avuto nel suo organismo agenti patogeni evoluti, in grado di passare non più fra esemplari della stessa specie, ma addirittura fra specie differenti. Sembrerebbe quindi, che i focolai di queste malattie hanno sempre insorgenza in quei paesi dove non vi sono controlli su animali addomesticati  tanto meno su quelli di cattura e destinati al consumo umano.
I Coronavirus(eh si, mica è il nome ufficiale di questa pestilenza 2020, lo sono anche la SARS e MARS) si chiamano così perché visionandoli a microscopio, sono di forma rotonda con parti proiettate che ricordano molto la corona solare e sono patologie che riguardano mammiferi e uccelli, compreso l’uomo che potrebbe svilupparla anche senza essere entrato in contatto con animali infetti. Furono identificati circa sessanta anni fa proprio dall’essere umano che presentava problemi respiratori comuni legati al raffreddore. Con gli studi ed il tempo si sono aggiunti membri a questa famiglia e si sono quindi distinti i Coronavirus che ci becchiamo ogni anno con una normale influenza e i Coronavirus che portano ad infezioni virali molto più gravi. Il ceppo che interessa l’uomo è il SARS-COV del 2003 che si è successivamente sviluppato arrivando al SARS COV-2, chiamato anche COVID-19 il quale è simile per il 70% al primo ed è unicamente legato all’infezione umana (Betacoronavirus), anche se sembra avesse una partenza dal genere animale. Ciò che ci affligge è la forma più acuta di questo virus

Per quel che riguarda i nostri beniamini con le piume, come negli altri animali, non abbiamo nulla da temere poiché se realmente vi fosse stato un “salto di specie” si è trattato di un caso isolato e legato ai mammiferi e pipistrelli, che ha portato quindi la seguita trasmissione uomo-uomo e quindi non possiamo più prenderla dai domestici ma anzi, rischiamo di essere noi coloro che potrebbero infettarli, ma cosa rara, in quanto dovrebbe verificarsi un altro salto. La malattia che dovremmo temere nei nostri piumati è certamente l’aviaria, che causa infezioni della parte alta degli organi respiratori in modo grave provocandone la morte.

La domanda quindi è: perché abbandonarli quando sappiamo queste cose? Evidentemente non abbiamo capito nulla e ci meritiamo l’estinzione. Nulla abbiamo imparato dalle precedenti malattie e nulla impareremo mai! Comunque sia, vogliamo rassicurarvi con questo articolo, in modo che possiate capire che gli animali domestici sono sempre controllati e quindi non causa di infezioni trasmissibili. Solo in questo mese gli abbandoni di cani se ne sono contati oltre 2000 presso i canili, escludento gli altri animali e quelli che purtroppo hanno fatto una brutta fine.
Se vediamo i nostri uccelli con problemi respiratori vanno curati, ricordiamoci che siamo noi ad averli portati nelle nostre case, con tutti i pro e contro, che non trasmettono nulla e che non hanno scelto di ammalarsi.
Possiamo quindi consigliare di controllare che non stiano subendo un attacco di acariasi che potrebbe compromettere la loro trachea e trattarlo di conseguenza. Evitare le correnti d’aria aiuta a non farli ammalare e coprirli se possibile quando fa troppo freddo, a meno che non abbiano un riparo che può essere composto da un nido inutilizzato.
Per riconoscere i sintomi basta semplicemente guardare i loro comportamenti: se fossero raffreddati presenterebbero occhi lacrimosi e scolo nasale oltre che stare apatici(in questo caso portateli al caldo e si riprenderanno con una semplice cura), mentre se vi fosse la presenza di acari li vedreste scuotere la testa, produrre respirazione sibilante con alcuni attacchi di tosse, ali basse e mucose asciutte(distinguibili anche dai colpi di tosse tz-tz).
Indi per cui è inutile allarmarvi per niente e se vi fosse mai passato per la testa di aprire le gabbie e mandarli via per vostri timori sappiate che non siete degni di essere considerati esseri umani e fareste bene a cederli a qualcun altro. Con questo breve ma intenso articolo spero di avervi fatto capire che non vi è alcun rischio per la vostra salute e nemmeno per la loro, che il problema siamo noi e finché non ci controlleremo con la distruzione del mondo intero non ci sarà possibilità di sfuggire a nulla. Guarda caso queste malattie escono sempre nei posti dove il clima lo consente oltre che le specie che si infettano sono costipate in spazi ristretti come le grandi città.

 

Immagine tratta dal web

Pubblicato in veterinaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Bacche di ginepro

shutterstock_543712162

Sono tanti ormai gli allevatori che somministrano regolarmente le bacche di ginepro ai propri beniamini. Questi frutti hanno delle grandi proprietà antisettiche che rafforzano il sistema immunitario digestivo e controllano alcuni sintomi come la tosse.
Si tratta di una pianta sempreverde che presenta delle bacche dal colore blu-viola ricoperte da un sottile pellicola rimovibile al tocco isolando quindi la buccia da numerosi batteri anche se è sempre indicato lavare bene i frutti prima di somministrarle o mangiarle. I rami sono molto fitti con stecchi appuntiti, ma il legno è pregiato ed usato per fare utensili da cucina.
Prr l’essere umano è addirittura utilizzato come pomata per i reumatismi e persone con febbre, tanto che viene somministrato ad anziani sia animali che non. Per noi può essere fatto un infuso di bacche schiacciate in acqua bollente per calmare la tosse e pulire le vie urinarie, per i nostri uccelli basta una manciata a settimana integre, se sono di taglia media e grande, se invece abbiamo uccelli piccoli si possono spezzettare freschi, ricordando comunque che ogni giorno va lavata la ciotola per evitare lo sviluppo di batteri nocivi.
Il ginepro è una pianta molto presa in considerazione anche dalla cucina italiana, non a caso il legno viene bruciato e usato per affumicare gli alimenti dandogli un certo profumo e sapore, oppure viene distillato e infuso per liquori e viene usato come spezia per insaporire le carni.
E’ un alimento a basso molto dietetico per tanto non può essere usato come principale alimento, quindi non esagerate. Contiene terpeni policiclici ed alcooli terpenici, tracce di alcaloidi, acido cianidrico, clucossidi cianogenetici.
Si può trovare in commercio un mangime che abbia già queste bacche al suo interno e quindi sono sufficienti e principalmente i fringillidi di bosco sono i più adatti a questa dieta. Se allevati in voliera sarebbe interessante porgere loro dei rami con i frutti e vederli andare a prenderle; sono piante che si trovano soprattutto nelle aree alpine e di bosco, ma se non si è troppo esigenti con grandi quantità si può andare in erboristeria, altrimenti nelle ditte di mangimi per animali si trovano sacchi con diversi chili acquistabili in una volta.

juniper-on-a-wooden-background-245236237

Pubblicato in Alimentazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

L’inverno sta arrivando, ecco come aiutarli

P1L0631.jpg

Eccoci qui all’inverno, finalmente ! Prima di oggi era difficile che facesse freddo a tal punto da poter tirar fuori i cappottoni ed accendere i camini per veder scoppiettare la legna.

Anche i nostri beniamini avvertono le temperature basse, ma sicuramente avremmo gia trovato il modo di tenerli al caldo e mangiare le cose piu buone per passare la stagione.

occhiocotto.jpg

E gli animali selvatici invece? Anche loro meritano di passare questa stagione in tutta serenità, soprattutto in quei luoghi dove nevica spesso ed è difficile procacciarsi il cibo da soli. Un aspetto bello dell’inverno per gli amanti della ornitologia, è proprio quello di osservare animali come picchio, cinciarella, occhiocotto ecc nutrirsi vicino alle finestre della propria casa, sapendo bene che gliela abbiamo fornita noi.

Ma vediamo quindi come e cosa si potrebbe somministrare agli animali. Prima di tutto bisogna scegliere il luogo dove piazzare le nostre piste di atterraggio, preferibilmente non troppo vicine alle nostre finestre e possibilmente in mezzo alle fronde di alberi, non importa se privi di foglie, l’importante che ci siano abbastanza rami da permettere loro di avvicinarsi scrutando intorno a se; sarebbe bene ricordare che i gatti sono cacciatori spietati e che quindi le mangiatoie è meglio sistemarle dove loro non possono arrivare.
Le mangiatorie quindi possono essere delle ciotole o delle tavole che abbiano almeno un bordino per evitare che gli uccelli ci possano andare direttamente dentro e quindi sporcare con le proprie feci, vanno bene anche la casettine da appendere che ci sono nei negozi di animali, ma possono andare bene solo per alcuni tipi di piumati come il passero e il merlo.
La cincia adora terribilmente appendersi ed è quindi preferibile metterle da parte prodotti nutrienti contenuti da retina o fatte a forma cilindrica, le classiche palline di grasso e semi ne sono un esempio e di facile reperibilità. Oltre, quindi, a semi di ogni genere, girasole, scagliola, panico, inforcare su stecchi anche della frutta secca quali fichi farebbe avvicinare occhiocotti ghiotti e capinere I kaki sono frutti molto zuccherini ed oltre a nutrire gli uccelli vedremmo avvicinarcisi anche delle farfalle fare capolino sulle loro polpe per succhiarne i succhi.
Per altri è consigliabile spalmare sui tronchi, nelle fessure degli alberi, un po’ di strutto per far loro immagazzinare del grasso. Arachidi sgusciati e non salati vanno bene per uccelli di taglia un po’ più grande. Non dimenticare che potrebbero avvicinarsi anche i picchi; per loro è sufficiente incastonare fra le fessure degli alberi un po’ più alti delle noci e nocciole,  e vedrete che, quando avranno capito che li troveranno cibo, si avvicineranno agli anfratti per rompere il guscio con i propri becchi.
Le camole della farina sono insetti pregiati e ricercatissimi dai piumati selvatici. Presso uccellerie fornite le potrete trovare vive. Conservatele in frigorifero e quando le volete sistemare nelle mangiatoie lasciatele in non troppa quantità, in proporzione a quanti animali si riforniscono nel vostro giardino. Essendo fredde saranno in una sorta di letargo e quindi non se ne andranno in giro col rischio di cadere in terra e far si che i gatti possano notare che le prede scendano di tanto in tanto.
Accanto a tutte queste ghiottonerie è consigliabile mettere una bacinella bassa, tipo sottovaso, piena di acqua, per poter vedere gli animali farsi il bagno nelle giornate più tiepide.
Vorrei ricordare però che se gli animali si abituano troppo a rifornirsi da noi, poi difficilmente andranno a procacciarsi cibo da soli. E’ quindi buona norma alternare le giornate in cui voi fornite da mangiare, al fine di ristabilire un equilibrio alimentare e psicofisico.

cinciarella_01.jpg
Nei negozi di animali troverete pastoni ed altri prodotti già confezionati adatti all’uso; non dico che vadano male, anzi, sono integrati di vitamine e minerali, ma la soddisfazione non sarebbe la stessa come quella in cui siamo noi a creare il banchetto invernale. Buon divertimento!

come-fare-una-mangiatoria-per-uccelli-fai-da-te

Pubblicato in Alimentazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Le Ali di Tyr vi augurano buone feste

Buonasera a tutti.

Non abbiamo mai avuto modo di scrivere sul sito gli auguri per qualche festività delle nostre tradizioni. Noi saremmo impegnati dietro agli animali, ma il pensiero va comunque qui, poco tempo per gli articoli ma tanta voglia di fare…

Facciamo quindi i nostri auguri a tutti i lettori, che possiate passare buobe feste e che l’anno nuovo vi porti le covate migliori. Noi porteremo certamente delle novità, sperando siano gradite.

cardinal___greetings_2019_by_annewipf_dcuk7w4-pre

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il canarino lizard

Ricordo tanti anni or sono, quando ero piccola, che iniziammo in famiglia ad avere canarini dopo che ce ne capitò uno catturato dal gatto, il quale ce lo portò in casa. Quando riuscimmo a toglierglielo dalle fauci, il poveretto aveva profonde ferite all’addome, ne perdeva dal becco e non reagiva agli stimoli. Non ce la sentivamo di finirlo per alleviargli le sofferenze e così lo chiudemmo in un sacchetto di plastica in attesa del giorno dopo per togliercelo di casa. La mattina successiva, mentre facevo colazione con mia madre, sentimmo cinguettare dall’interno del sacchetto. Una volta aperto il nostro amico era in realtà vivo e vegeto e divenne così il primo canarino in mio possesso, dopo aver avuto esperienza con i diamanti mandarini.
Una volta identificato come maschio ci recammo in un negozio specializzato in animali per comprargli una compagna e farlo sentire meno solo. Ci imbattemmo così in alcuni esemplari di lizard e ne prendemmo uno in quanto il negoziante ci aveva assicurato che le femmine di quella nidiata sarebbero state ottime, e così è stato.

Iniziai quindi a leggere qualcosa sul lizard senza però approfondire nulla. Nella mia giovane età facevo anche troppe cose, ma mi piaceva acculturarmi un poco e sfoggiare la mia conoscenza della natura con i miei compagni di classe.
Quindi, confrontandomi con oggi, posso dire che è un canarino avvolto completamente dal mistero. Sicuramente deriva dal canarino selvatico importato in tutto il mondo quando ancora si poteva, ma non si sa con che soggetti fu ibridato oppure se questo suo aspetto deriva da qualcosa di geneticamente storico. In diversi articoli e scritti si legge che era una razza allevata prettamente in Inghilterra fra ‘700 e ‘800 ma che non suscitava grande interesse dei borghesi, i quali preferivano altre colorazioni. Con il tempo però le cose cambiarono, rischiò anche l’estinzione, ma grazie ai suoi appassionati cominciò ad essere conosciutissimo e preferito.

Con il passare degli anni ammetto che nella nostra allora ignoranza, mi sento in colpa per aver incrociato quella femmina dalla perfetta calotta gialla con l’altro maschio, anche se sono venuti degli splendidi pezzati. Ad oggi qualsiasi animale sia in mio possesso viene allevato in purezza ed anche perché andrebbe contro il mio principio comune a centinaia di voi : “allevare per proteggere”; ora però vediamo come è fatto un lizard.

Innanzitutto il Lizard si riconosce facilmente per la colorazione del suo piumaggio: verde e con le “scaglie” nere, disegno molto simile a delle squame di lucertola; poi si distingue molto anche dal fatto che in testa vi è disegnata una calotta di colore giallo o bianco, altri esemplari invece non ne hanno, e posseggono delle colorazioni meno marcate. Per una coppia allevata in purezza bisogna ricordarsi che se si possiede un soggetto con la calotta di colore intenso, l’altro esemplare deve essere di colorazione più debole, definito brinato, in rispetto di chi li ha selezionati e definiti per anni e per non incorrere in problemi genetici. La calotta, come previsto dallo standard non deve essere troppo grande, e quindi non oltrepassare certe misure, andando sotto l’occhio o sul becco o sulla nuca. E’ un difetto grave da correggere con i vari accoppiamenti, meglio ancora scartarli dalla selezione quei soggetti esagerati se si vuole ottenere una nidiata degna di questa razza. E’ accettabile invece che la calotta, detta anche corona, sia di forma minore, a mezzaluna, accennata e quasi assente. In concorso se ne possono vedere di diversi tipi, ma che non vanno mai oltre certe misure.
I più esperti suggeriscono di accoppiare fra loro soggetti opposti e cioè che se abbiamo un maschio con la calotta solo sulla fronte, la femmina deve avere la calotta assente su quel punto e presente altrove per poter compensare le mancanze, anche se la scienza che studia questa trasmissione di corona non è molto ben definita.
Non sono uccelli difficili da detenere, e le femmine sono delle ottime covatrici, ma l’allevamento va studiato più approfonditamente degli altri. Ad oggi i lizard stanno spopolando anche per altre colorazione che come ho detto può essere bianco sulla calotta, oppure rossa, ma io, da purista tradizionalista, non gradisco certi esperimenti.

 

Per il nutrimento bastano i sementi per i tradizionali canarini, senza però dimenticare di fornire loro verdura e frutta senza esagerare ed altri elementi che forniscono loro sali minerali. Più l’alimentazione è completa e di qualità più si ottengono ottimi piumaggi, ma questo vale un po’ per tutti.
Una cosa che distingue i lizard ed è meglio evitare, è la deplumazione da parte della madre sui novelli, i quali potrebbero avere ricrescita di penne scomposte e rovinate, perciò fate attenzione e appena avviene lo svezzamento, i giovani vanno separati.

Al di sotto vi posto immagini prese su internet che mostrano il giusto lizard

1LTR693__immagine_01

Pubblicato in Specie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sagome rapaci in volo 2 – grifone, aquila e gipeto

Sono voluta tornare quasi subito su un nuovo argomento, in particolare sul riconoscere i rapaci che popolano le zone di montagna dove in questi giorni migliaia di persone stanno avvistando e mi mandano fotografie per chiedere che cosa hanno effettivamente visto.
In effetti vedere gli animali citati nel titolo dona profonda emozione anche a chi non si intende per niente di ornitologia.
Escludo a prescindere i rapaci che vediamo abitualmente anche in altre zone d’Italia, anche perché anni fa misi già delle immagini che rappresentavano gli uccelli più facili da riconoscere e da vedere, anche se di questo mondo ci sarebbe da scrivere veramente tanto.

Il grifone(gyps fulvus) è un avvoltoio che come tanti hanno patito molto la caccia da parte dell’uomo e ha faticato molto per farsi un po di spazio nei nostri territori. Il suo aspetto è come siamo abituati a vedere tutti gli avvoltoi, con il collo ricoperto da un piumino per proteggersi la cute durante i pasti. Alle spalle ha un collarino di piume più lunghe per non sporcarsi il resto del piumaggio. La sua apertura alare è in media fra i 2,5 metri e 2,8 ed è riconoscibile per la sua coda corta e il collo che durante il volo tiene raccolto nel collarino formando una S. E’ unicamente un animale saprofago, cioè che si nutre di carcasse. Solitamente dove un gruppo di grifoni sta mangiando, nelle vicinanze c’è sicuramente un gipeto. Vivono in colonie poco numerose ma che comunicano con le altre dei territori vicini.
Negli anni scorsi si salvarono alcuni esemplari solo in Sardegna, nonostante all’estero sia abbastanza diffuso, ma solo da pochi anni è stato reintrodotto in alcune regioni alpine meridionali e piano piano si è espanso fino alle Alpi del nord Italia, ormai poco difficile avvistare ma i suoi esemplari sono sotto i 200 in quelle zone.

Estremadura-016GrifoniColl

Il gipeto (gypaetus barbatus), chiamato anche avvoltoio degli agnelli, è sicuramente fra i più grandi e i più belli in Europa. E’ molto raro da vedere ma anche questo rapace si sta facendo strada sulle nostre Alpi, ma è sempre tenuto sotto controllo a vista durante le nidificazione per paura dei bracconieri.
Una sua caratteristica è quella di avere la testa e il collo ricoperto di piume e non di piumino, con un paio di ciuffi-vibrisse alla base del becco e intorno all’occhio che gli danno la nomina anche di avvoltoio barbuto. La sua apertura alare può arrivare addirittura a sfiorare i tre metri nonché le dimensioni oltre il metro di altezza e il peso di 5-7 kg. Sebbene rientri fra gli avvoltoi il suo aspetto è un po’ diverso, sia per la testa che per le zampe, le quali sono anche capaci di prendere prede e quindi offendere ed anche per le ali, molto più affinate per acrobazie e sfruttamento di ogni tipo di corrente. Lo si può osservare mentre plana sbattere a malapena le punte delle ali ed è stato avvistato più volte compiere uno “spirito santo” comune al gheppio e biancone. La sua alimentazione però è principalmente composta da animali già morti e la sua particolarità sta soprattutto nel mangiare il midollo presenti nelle ossa di animali, semplicemente prendendole e portandole a centinaia di metri facendole cadere su sporgenze rocciose per romperle. Unico nel suo genere!
Nel suo nido non può certamente mancare la lana di pecora come componente per tenere unito il tutto. Solo due uova vengono deposte e solo uno dei piccoli sopravvive.

5901-9367aquila-gipeto-sagomagipeto

Ed eccoci infine a parlare un poco dell’aquila reale (aquila chrysaetos), anche questa presente in molti territorio del mondo, ma in difficile recupero a causa del bracconaggio e disboscamento. In italia si trovano all’incirca 200 esemplari censiti nelle Alpi e meno della metà sugli Appennini. Le sue dimensioni non sono dopotutto da sottovalutare, alta circa 1 metro con apertura alare che supera i due metri, fisicamente è ovviamente diversa dagli avvoltoi con artigli adatti alla caccia e ali che permettono manovre molto veloci. Cacciano in coppia e si nutrono veramente di ogni genere di animale, raramente il capriolo, probabilmente troppo grosso ed impegnativo. In falconeria viene spinto con grande successo anche sui lupi in quegli stati ove possibile, mentre gli altri avvoltoi vengono utilizzato solo a scopo didattico. Nel periodo riproduttivo è per lo più il maschio a portare il cibo e depongono solo due uova e come per il gipeto, in quasi tutti i casi solo uno solo sopravvive. Probabilmente per via della competizione alimentare, è stato riscontrato che dove vi sono più coppie riproduttive meno covate sono state registrate. Insomma, non vi è purtroppo abbastanza spazio per tutti.

aquila_reale_voloAquila2aquilareale2

Foto tratte dal web…ed alcune mi risvegliano i ricordi dei famosi Taccuini di Airone…..eh, la gioventù…


I wanted to return almost immediately to a new topic, in particular on recognizing the birds of prey that populate the mountain areas where these days thousands of people are spotting and sending me photographs to ask what they have actually seen.
In fact, seeing the animals mentioned in the title gives deep emotion even to those who do not mean ornithology at all.
I exclude regardless of the birds of prey that we usually see in other areas of Italy, also because years ago I already put images that represented the birds easier to recognize and see, even if there would be a lot to write about this world.
The griffon vulture (gyps fulvus) is a vulture that, like so many, has suffered a lot from man-made hunting and has struggled a lot to make some space in our territories. Its appearance is as we are used to seeing all the vultures, with the neck covered with a duvet to protect the skin during meals. Behind it he has a collar of longer feathers so as not to get the rest of the plumage dirty. Its wingspan is on average between 2.5 meters and 2.8 meters and is recognizable by its short tail and neck that during the flight holds collected in the collar forming an S. It is only a scavenger animal, that is, that feeds on carcasses. Usually where a group of griffins is eating, there is definitely a bearded vulture nearby. They live in small colonies but communicate with others of the neighboring territories.
In recent years some specimens were saved only in Sardinia, although abroad it is quite widespread, but only a few years ago it was reintroduced in some southern alpine regions and slowly expanded to the Alps of northern Italy, now difficult but its specimens are under 200 in those areas.

The bearded vulture (gypaetus barbatus), also called the lamb vulture, is certainly among the largest and most beautiful in Europe. It is very rare to see but even this raptor is making its way into our Alps, but it is always kept under control on sight during nesting for fear of poachers.
One of his features is to have his head and neck covered with feathers and not down, with a pair of tufts-vibrisse at the base of the beak and around the eye that give him the name of bearded vulture. Its wingspan can even reach three meters as well as the size over the height and the weight of 5-7 kg. Although it falls among the vultures its appearance is a little different, both for the head and for the paws, which are also capable of taking prey and therefore offending and also for the wings, much more refined for acrobatics and exploitation of all kinds of currents. It can be seen as it glides barely slamming the tips of its wings and has been spotted several times performing a “holy spirit” common to kestrel and hawthorn. Its diet, however, is mainly composed of dead animals and its particularity lies mainly in eating the marrow present in the bones of animals, simply taking them and bringing them to hundreds of meters causing them to fall on rocky ledges to break them. One of a kind!
In its nest can certainly not miss sheep’s wool as a component to keep everything together. Only two eggs are laid and only one of the young survives.

And finally here we are talking a little about the golden eagle (eagle chrysaetos), also present in many territory of the world, but in difficult recovery due to poaching and logging. In Italy there are about 200 specimens recorded in the Alps and less than half on the Apennines. Its size is not to be underestimated, about 1 meter high with wingspan that exceeds two meters, physically it is obviously different from the vultures with claws suitable for hunting and wings that allow very fast maneuvers. They hunt in pairs and really feed on all kinds of animals, rarely the roe deer, probably too big and challenging. In falconry it is pushed with great success also on wolves in those states where possible, while other vultures are used only for educational purposes. In the reproductive period it is mostly the male who bring food and lay only two eggs and as for the bearded, in almost all cases only one survives. Probably due to food competition, it was found that where there are more breeding pairs less broods have been recorded. In short, there is unfortunately not enough room for everyone.

Photos taken from the web… and some awaken me memories of the famous notebooks of Airone…..eh, youth…

Pubblicato in Specie, Tavole | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Poiana comune(buteo buteo) – conoscerla e riconoscerla

 

The-three-morphs-of-the-common-buzzard-The-dark-morph-left-has-dark-head-heavily.png

La poiana comune è un rapace tipico delle nostre zone e nel resto d’Europa, variando solo di colore man mano che si sale verso i climi freddi nordici. In inglese si chiama Common Buzzard ed è per questo che in italiano vanta del nome di bozzagro e simili.
La si trova spesso negli ambienti boschivi, ma non disdegna il costeggiare od addentrarsi negli spazi aperti usufruendo di un posatoio in attesa di vedere qualche preda quali piccoli roditori, bisce o perché no anche cadaveri che facilmente le procurano un facile pasto. Sono state avvistate molte poiane catturare con buone abilità anche minilepri e fagiani.
Le sue dimensioni non sono eccessive, si può definire un uccello medio con becco corto e proporzioni compatte; la femmina è ovviamente più grossa del maschio. E’ un accipitride che facilmente si adatta ad ogni tipo di ambiente, ma nella falconeria italiana è utilizzata solo a scopo didattico poiché definita lenta e testarda nell’addestramento. il periodo di nidificazione circa è fra aprile e giugno ed è un animale che vive in branco, solitamente vanno da un minimo di due esemplari a quattro o cinque, rappresentati dalla coppia e dalla prole dell’anno.
Viene spesso confuso con il falco pecchiaiolo, ma questo ultimo presenta una coda più lunga e una testa più piccola, nonché cacciatore di insetti, cosa che la poiana non è solita fare.
E’, come già detto, poco utilizzato nella falconeria, in quanto possiede molti lati negativi che un principiante non può troppo seguire e quindi preferisce rapaci più addestrabili. Il fatto del perché sia testarda non è ancora dato saperlo, ma probabilmente, non avendo un altissimo predatorio, legandosi anche alla sua intelligenza, è un animale che allevato a mano rifiuta la collaborazione con l’uomo, mentre, se non è imprintata, mantiene quella timidezza nei confronti dell’addestratore che non giova all’addestramento. Insomma, sembrerebbe un animale complicato, ma in Inghilterra sono fra i primi rapaci di basso volo utilizzati per la caccia al pelo e alla piuma. Non contenta di avere cani intorno viene spesso lanciata dal pugno o ancora meglio vola di albero in albero in attesa che il suo addestratore faccia muovere qualche animale nascosto. Non è comunque troppo esigente ed è uno dei primi rapaci che ho volato.
Il suo vocalizzo è per lo più stridulo all’inizio, allungato e si abbassa di tono sul finale e lo fa soprattutto per tenersi in contatto con il compagno o compagni durante il volo, una sorta di “pìiu”.

Ora vediamo la sua sagoma in volo, come riconoscerla al meglio. Ricordiamoci che più il colore del suo piumaggio è chiaro, più la poiana è giovane, e nei paesi nordici e dell’Asia  il piumaggio dei giovani è estremamente chiaro :BIF1355_MPU_I1Q7040_14062013_cbuzz-AD_d_havelland-1-1024x683common_buzzard_david_chapman_768buzzard-silhouettes-vector

The common buzzer is a bird of prey typical of our areas and in the rest of Europe, varying only in color as we rise towards the cold northern climates. In English it is called Common Buzzard and that is why in Italian it boasts the name of bozzagro and the like.
It is often found in wooded environments, but it does not disdain the skirting or entering the open spaces using a perch waiting to see some prey such as small rodents, bisce or why not even corpses that easily provide her with an easy meal. Many buzzas have been sighted to capture with good skills even miniles and pheasants.
Its size is not excessive, it can be defined as a medium bird with short beak and compact proportions; The female is obviously bigger than the male. It is an accipitride that easily adapts to any type of environment, but in Italian falconry it is used only for educational purposes because it is defined as slow and stubborn in training. the nesting period is between April and June and is an animal that lives in herds, usually ranging from a minimum of two specimens to four or five, represented by the pair and the offspring of the year.
It is often confused with the falcon, but the latter has a longer tail and a smaller head, as well as insect hunter, which the buzzer is not used to do.
It is, as already mentioned, little used in falconry, as it has many downsides that a beginner can not follow too much and therefore prefers more adaptable birds of prey. The fact of why she is stubborn is not yet given to know, but probably, not having a very high predator, also tying herself to her intelligence, is an animal that hand-raised rejects collaboration with man, while, if it is not imprinted, it maintains that timidity towards the trainer who does not benefit from training. In short, it would seem a complicated animal, but in England they are among the first low-flying birds of prey used for hair and feather hunting. Not content with having dogs around is often thrown from the punch or even better flies from tree to tree waiting for her trainer to move some hidden animals. It’s not too demanding anyway and it’s one of the first birds of prey I’ve flown.
His vocalization is mostly shrill at the beginning, elongated and lowers in tone on the finish and he does so mainly to keep in touch with his companion or companions during the flight, a kind of “pìiu”.
Now let’s see its silhouette in flight, how to recognize it at its best. Let us remember that the more the color of its plumage is clear, the younger the buzzer is, and in the Nordic and Asian countries the plumage of Young bird is extremely clear:

 

Pubblicato in Specie, Tavole | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento